Percorso “.no .co”

Sellero - Forno Allione - Paisco

Il terzo itinerario mette in collegamento i siti di Sellero e Cedegolo alla Valle Allione e all’abitato di Paisco sede del Consorzio Forestale Minerario Valle Allione. Il percorso nel primo tratto non presenta difficoltà tecniche, si snoda lungo un piacevole tratto di Via Valeriana offrendo una passeggiata percorribile da tutta la famiglia in un’ora e mezza; oltre a beni archeologici si incontra il centro faunistico. Da Forno Allione fino a Paisco è invece consigliato l’accompagnamento di una guida, eccetto per camminatori esperti attrezzati. 

In questo percorso la storia del patrimonio industriale viene approfondita con la visione del tracciato di canalizzazione della Seb e con la tappa nella zona industriale di Forno Allione. 

La vista dei tratti di canalizzazione permette di comprendere meglio la complessità del sistema di derivazione delle acque, provenienti da Malonno, e del funzionamento della vasca di carico e della centrale SEB (oggi sede del Musil Museo dell’Energia Idroelettrica di Cedegolo). 

Un altro storico impianto idroelettrico presente lungo il percorso, in funzione dal secondo decennio del Novecento e recentemente potenziato, è quello che si incontra a Forno d’Allione. Se gli impianti rispondono oggi alle più moderne tecnologie, l’edificio della centrale ristrutturato testimonia e conserva la fisionomia originaria. 

Profondamente legato alla disponibilità dell’energia idroelettrica fu lo sviluppo della produzione degli elettrodi di grafite che interessò Forno Allione, con ripercussioni occupazionali sull’intera Valle Camonica, dal 1929 al 1994 quando la società statunitense Union Carbide chiuse la fabbrica. 

La tappa nella zona industriale di Forno d’Allione permette quindi di vedere i reperti che ancora testimoniano l’importante passato industriale della zona e comprendere i nuovi assetti seguiti alla dismissione del sito produttivo.

Da qui il raggiungimento di Paisco attraverso un tratto del Sentiero della Castagna e la possibilità di addentrarsi nella storia mineraria della Valle d’Allione, fin dall’antichità strettamente legata allo sfruttamento dei giacimenti di ferro, attraverso la scoperta dei segni che tali attività hanno lasciato nel territorio. 

All’osservazione delle tracce lasciate dalle attività produttive si somma il ricco patrimonio naturalistico valorizzato e tutelato dal centro di educazione ambientale e dai progetti didattici e ambientali avviati nel corso degli anni da Consorzio Forestale Minerario Valle Allione, quali il castagneto didattico, il mirtilleto sperimentale e il giardino botanico Vivione con oltre 250 specie e la ricostruzione di un torbiera d’alta quota. 

Da Paisco partono i Sentieri dei Minatori con i quali raggiungere i principali siti minerari mappati dal Consorzio stesso. 

Per chi volesse  trascorrere la notte, su prenotazione, il Consorzio dispone di una Foresteria attrezzata.

 

Il percorso è: 
- pedonale con grado di difficoltà medio, consigliato con guida;
- ciclabile con grado di difficoltà alto, consigliato con guida.

 

Distanza: andata km 12

 

La descrizione è contenuta nella Newsletter n°2 che può essere scaricata nella sezione dedicata alle Newsletter o seguendo questo link: http://www.sim-vallecamonica.it/newsletter/newsletter2/newsletter2.pdf

 

Scarica il percorso in GPS

La mappa è visualizzabile con Google Earth.

 



« Torna all'elenco dei percorsi