Percorso “.scia .olo”

Brescia - Cedegolo

 

Questo itinerario è stato ideato per promuovere il raggiungimento della Valle Camonica sfruttando una modalità sostenibile di mobilità, quella ferroviaria e rendere il viaggio in treno, particolarmente suggestivo anche dal punto di vista paesaggistico, ulteriore occasione di scoperta del patrimonio industriale e della storia del territorio.

La costruzione della ferrovia è stata fattore fondante per lo sviluppo industriale permettendo il trasporto delle materie prime e delle merci. Il tracciato ferroviario, lungo il quale sorsero i siti produttivi, può diventare quindi punto di osservazione privilegiato e unico per scoprire la storia del patrimonio produttivo e infrastrutturale della provincia. 

La ricchezza di reperti d’archeologia industriale ed aziende più o meno storiche ancora in funzione, consente infatti di trasformare il viaggio in una vera e propria visita guidata. Una visita guidata particolarmente interessante in quanto premette di visualizzare la complessità e le specificità della storia produttiva dei territori, di mettere in connessione l’industrializzazione camuna con il fenomeno più ampio delle lavorazioni e dei processi industriali provinciali, regionali e pertanto di rilevanza nazionale, comprendendo cioè come le lavorazioni svolte in Valle avessero destinazioni e scopi che trascendono la contingenza territoriale.

Così se la geografia della distribuzione dell’elettricità prodotta dall’industria idroelettrica valligiana trova esaustiva illustrazione nel sistema di tralicci e cavi che ne hanno fatto un fattore decisivo dello sviluppo industriale nazionale, la ferrovia rappresentò quella possibilità di trasporto senza la quale molte attività produttive non avrebbero potuto installarsi o svilupparsi e lungo il cui percorso restano testimoni della storia che hanno scritto nel territorio.

All’osservazione dei siti produttivi visibili lungo il percorso si sommano le opere della stessa infrastruttura ferroviaria: gallerie, ponti, stazioni, impianti e strutture di servizio, a pieno titolo parte del patrimonio industriale.

Il primo tracciato della linea Brescia-Iseo entrò in funzione nel 1885. Il percorso, partendo dalla stazione di Brescia, attraversa la Brescia industriale del Comparto Milano per poi via via addentrarsi nel paesaggio agrario della Franciacorta.

Il prolungamento della linea avvenne invece nel primo decennio del Novecento quando il progetto della ferrovia Iseo-Edolo, dopo più di un trentennio di discussioni e proposte, fu affidato all’Ingegner Luigi Conti Vecchi. Dopo due anni dall’avvio dei lavori, nel corso del 1907 furono ultimati i tratti Iseo-Pisogne e Pisogne-Breno mentre il completamento della linea fino a Edolo fu inaugurato nel 1909.

Da Iseo a Pisogne il tracciato costeggia il Lago d’Iseo con le tipicità del paesaggio lacustre delle attività colturali e turistiche nonché alcuni impianti produttivi storici a ridosso della ferrovia. Superato Pisogne il tracciato risale la Valle Camonica dove l’ industrializzazione, soprattutto siderurgica e idroelettrica, ha profondamente segnato il territorio.

Sebbene la costruzione della ferrovia camuna contribuì tra l’altro allo sviluppo dell’industria idroelettrica, permettendo la costruzione degli impianti per lo sfruttamento delle risorse idriche dell’Adamello che determinarono un’enorme disponibilità di energia elettrica, la linea ferroviaria non fu mai elettrificata rimanendo un simbolo delle contraddizioni che lo sviluppo dell’industria idroelettrica ebbe sul territorio.

Nelle prossime pagine una galleria fotografica, in ordine di percorrenza, da Brescia a Forno Allione, di documentazione delle industrie da citarsi in questa visita guidata ideata e studiata per S.I.M. dall’associazione P.I.R. Post Industriale Ruralità.

Negli ultimi anni la tratta viene percorsa da treni panoramici, con ampie vetrate, che consentono di godere appieno del paesaggio e di individuare più facilmente i beni che la visita segnala. Prossimamente sul sito internet di S.I.M. sarà possibile scaricare un documento che consentirà all’utente un’autoguida lungo la tratta ma se preferirete farvi accompagnare da una guida specializzata sarà possibile contattando la segreteria organizzativa.

 

Tempo percorrenza: 1 h 45 min

 

La descrizione è contenuta nella Newsletter n°4 che può essere scaricata nella sezione dedicata alle Newsletter o seguendo questo link: http://www.sim-vallecamonica.it/newsletter/newsletter4/SIM_Newsletter-4.pdf



« Torna all'elenco dei percorsi